PORTALI IMMOBILIARI: STRUMENTO O MINACCIA PER L’AGENZIA IMMOBILIARE?

Come cerca casa il popolo 2.0?

Indubbiamente, oggi, la ricerca immobiliare ha come tappa obbligata il web. Oggi abbiamo tutti meno tempo e quel poco tempo libero che ci rimane vogliamo ottimizzarlo per goderne al meglio. Anche quando cerchiamo casa. Così, se prima il cliente doveva recarsi fisicamente dall’agenzia di fiducia a controllare le proposte in vendita o in affitto, adesso non lo fa più, perché basta un click su Google per avere a disposizione una quantità inimmaginabile di dati. Lo dimostra questo grafico:

trend ricerca casa Continua la lettura PORTALI IMMOBILIARI: STRUMENTO O MINACCIA PER L’AGENZIA IMMOBILIARE?

Mediatori e procacciatori d’affari: le differenze evidenziate dalla Corte Suprema di Cassazione

È di un mese fa l’ultima importante sentenza della Cassazione che mette nuovamente a confronto due categorie professionali: l’agente immobiliare ed il procacciatore d’affari.
È da tempo che si discorre delle differenze tra i due tipi di professione e delle affinità nello svolgimento delle stesse.

mediatori e procacciatori

In comune hanno senz’altro la finalità delle loro attività che si sostanzia nel favorire tra terzi la conclusione dell’affare. Continua la lettura Mediatori e procacciatori d’affari: le differenze evidenziate dalla Corte Suprema di Cassazione

Agente immobiliare: servono fiducia e consapevolezza

Riflessioni a cura di Bruno Vettore

L’indice di fiducia degli Agenti Immobiliari è in ripresa, come del resto il numero delle compravendite nell’ultimo biennio.
Bruno VettoreLo testimonia una  recente indagine di mercato a cura di BV invest e le stime sul possibile superamento della soglia di 500.000 compravendite su base annua, riferite al 2016. D’altra parte è bene non perdere di vista la consapevolezza che, tra le figure commerciali che stanno incontrando maggiori difficoltà,  c’è sicuramente quella dell’Agente Immobiliare.

Le ragioni sono molteplici  e meritano un ampio approfondimento.

La prima è certamente relativa al perdurante periodo di evidente complessità dell’intero comparto. La normale ciclicità è stata alterata da un prolungato effetto negativo, che è durato otto/nove anni. Il quinquennio positivo iniziato ai primi del duemila e che ha avuto la sua punta massima nel 2007 (oltre 850.000 compravendite in ambito residenziale), ha subito un calo progressivo ed inesorabile, che ha letteralmente dimezzato il numero delle compravendite, facendole scendere fino a poco oltre le quattrocentomila su base annua.

Conseguenza di ciò, la naturale diminuzione dei prezzi, drasticamente ribassati, in media, di almeno il 30/35% e la complessiva contrazione del fatturato totale del settore (residenziale e non) da 140 miliardi di euro a circa 70 miliardi di euro.

Le rigorose e severe politiche di erogazione del credito bancario sono risultate altrettanto determinanti per accentuare le già evidenti difficoltà e hanno periodicamente “zavorrato” i timidissimi segnali di ripresa. Continua la lettura Agente immobiliare: servono fiducia e consapevolezza

Vuoi essere sempre aggiornato?
Ricevi in anteprima la comunicazione sui prossimi articoli, report e iniziative per i professionisti dell'immobiliare italiano
La tua privacy è al sicuro al 100%!